Moglie annoiata

Moglie annoiata

Spread the love

Sono un sessantaduenne di Milano appassionato di montagna, tutti i week-end vorrei passarli nel mio appartamentino in Valtellina per partire al mattino presto e andare a camminare in alta montagna, ma purtroppo a mia moglie non piace e quindi raramente riesco a convincerla a partire.
Lei, dinamica quarantottenne, preferisce stare a casa e al sabato sera vestire abiti provocanti e molto scollati, uscire e fare una puntata al club privè dove ha trovato un discreto numero di amici che la mettono al centro dell’attenzione e la fanno divertire, a me non dispiace perchè da anni sono cuckold convinto, però ogni tanto desidero la solitudine delle escursioni in montagna.
Tuttavia devo dire che da due anni a questa parte, qualcosa è cambiato, ho trovato il modo di renderle i fine settimana piacevoli e intriganti anche in montagna, ma andiamo con ordine.
Maggio duemiladiciotto, la convinco a partire il venerdì, splendido pomeriggio di sole, il giorno dopo era previsto bel tempo, al nostro arrivo, nelle scale avevamo incrociato Piero, un ragazzo diciottenne molto timido e introverso che vive tutto l’anno nel piccolo condominio insieme ai genitori commercianti con negozio di generi alimentari a Sondrio.
Va detto che mia moglie, ama vestire minigonne e camicette scollate in ogni occasione, a me piace molto vederla ammirata da altri uomini, quel sabato indossava una minigonna di jeans ed una camicetta bianca aperta che metteva in risalto il suo prosperoso seno quarta misura sostenuto da un reggiseno a balconcino che stentava a coprirne i capezzoli.
Eravamo saliti in ascensore con il ragazzo, noi dovevamo fermare al terzo piano e lui al quarto, mi ero girato di schiena per guardare le sue reazioni nello specchio, lui pareva ipnotizzato a quella vista, volevo provocare una situazione eccitante e dissi:
“Allora Piero, come ti va ? I tuoi sono al lavoro ? I tuoi studi di elettronica vanno bene ? Il condominio è ancora deserto vero ?”
Lui si era scosso e aveva risposto con gentilezza:
“Eeeehh….. il condominio fino a luglio rimane con solo la nostra famiglia….. gli studi vanno bene perchè di giorno i miei sono a Sondrio e io non ho altro che lo studio….. e tu Carlo, domani vai a fare una escursione ? Anche tu Lisa ?”
Avevo risposto io con malizia:
“Eeeehhh magari, Lisa preferisce stare sul balcone a prendere il sole…. visto che non ci sono ancora inquilini quasi quasi può fare nudismo….. ahahah io con la giornata di sole parto presto e torno giù nel pomeriggio tardi….. oh Piero… tienimela d’occhio eh? Se vedi qualche amante che va da lei me lo dici eh? Ah ah ah “
L’ascensore era al terzo, eravamo scesi con i nostri borsoni, lui aveva affondato gli occhio sul sedere di mia moglie che si era abbassata per prendere le chiavi da una borsa, aveva tenuto la porta aperta dicendo:
“Non c’ è pericolo, il paese è praticamente deserto…. a domani”
La breve situazione mi aveva messo l’eccitazione addosso, in casa avevo detto a mia moglie:
“Hai visto il Pierino come ti mangiava con gli occhi ? Sono quasi sicuro che in questo momento si sta facendo una sega per te….. mettiti il costume, c’ è ancora un ora di sole, io metto tutto a posto…”
Lei non se lo era fatto ripetere, aveva indossato un costumino giallo e si era sdraiata al sole sul balcone.
Va detto che il balcone da sulla vallata e di fronte a noi non ci sono abitazioni, quindi gli unici che possono vedere sul nostro balcone sono i piani sopra di noi.
Poco dopo ero uscito anch’io, con il telefono mi ero posizionato per guardare la vallata ma avevo predisposto la telecamera in modo che anzichè farmi il selfie potevo vedere il ragazzo che dietro la tenda del suo balcone al quarto piano guardava mia moglie; come immaginavo…. decisi di rincarare la dose, mi avvicinai al lettino e slacciai il suo reggiseno.
Lei rise e sottovoce mi disse:
“Scemo….. c’ è il ragazzo che guarda…. l’ho visto quando tenevo gli occhi socchiusi…”
Ma non si ricoprì, tornai dentro le presi gli occhiali scuri e glieli misi, dissi:
“Dai, allarga le cosce….. mettiti la crema sulle tette…. accarezzatele fallo eccitare….”
Lei rideva e diceva:
“Ma dai…. ha diciotto anni…. mica me lo posso adescare….”
Ma intanto ero rientrato e lei aveva cominciato a spalmarsi la crema sulle tette nude e sulle cosce, ero eccitatissimo, che troia pensavo, la sera avrei cercato di convincerla a farlo scopare il giorno dopo.
Durante la cena provocavo mia moglie, dissi:
“Se domani mattina lo inviti a prendere il caffè…… poi lo fai sedere sul divano vicino a te e lo provochi….. dici che si sveglia ?”
Lei sorrideva sorniona e con lo sguardo da porca disse:
“Che ci vuole a eccitare un ragazzino, basta uno sfioramento di tette, mi sta venendo voglia…. ma….. ce l’hai duro cornuto, andiamo a letto, domani mattina ci provo…..”
Avevamo scopato pensando a Piero, la mattina non ero partito, avevo preparato lo zaino e l’avevo nascosto nello sgabuzzino, poi con la complicità di mia moglie, avevamo predisposto che l’ingresso fosse al buio e la camera illuminata, infine mi ero seduto in cucina ad aspettare, lei si era messa sul balcone in costume alle nove e poco dopo l’avevo sentita chiacchierare con lui:
“Ciao Piero, i tuoi sono già partiti ? Allora siamo soli in tutto il condominio….. lo hai già preso il caffè ? Mi fai compagnia ? Dai vieni che ti apro…”
Entrò ridendo, mi disse:
“Vai nello sgabuzzino cornuto, sta arrivando….. “
Mi nascosi nel ripostiglio lasciando la porta socchiusa, volevo sentire i loro discorsi oltre a vedere mia moglie farsi il ragazzo, lo fece accomodare in cucina e gli offrì il caffè seduta nel divano a due posti, lui era vestito con un paio di bermuda e una maglietta, dava le spalle e lei poteva vedermi, io dall’ingresso potevo vedere i loro movimenti, mia moglie che è molto chiacchierona cominciò a farle domande:
“Allora Pierino, questa sera vai in discoteca oppure esci con la ragazza ?”
Lui con tono rassegnato:
“Si magari, i miei non vogliono che io prenda la patente finchè non mi sarò diplomato, quindi fino all’anno prossimo non posso avere la macchina…… abitando quì mi dici come posso fare a prendermi qualche divertimento ? Sono isolato da amici e ragazze”
Sapevo che mia moglie si sarebbe intenerita, le appoggiò una mano sulla gamba e chiese:
“Ma tu vuoi dirmi che un bel ragazzo come te non ha la fidanzata ? Dai non ci credo, un ragazzo della tua età ha bisogno di sfogarsi con una donna….. non può…. dai…. fai finta che sono la tua mamma, dimmi quando hai dato il tuo primo bacio e poi dimmi quando hai fatto l’amore per la prima volta……. e dai….. non diventare rosso…… dimmi la verità…. se me lo dici poi ti do i consigli per come ti devi comportare con le donne…”
Lui abbassava il capo e rispondeva a bassa voce:
“Lisa….. la mia vita è tutta piena di difficoltà…. mia madre non mi lascia andare, lei è possessiva, devo dirti la verità…? Non ho mai baciato una ragazza…. e non sono mai andato con una donna….”
Lei lo abbracciò, le sue tette erano appiccicate a lui:
“Beh…. vedrai che presto o tardi l’avrai una donna, ma dimmi… quando ti capiterà…. ti confiderai con tua madre o tuo padre..?
Lui aveva ridacchiato e quasi spaventato:
“Sei pazza ? Non posso parlare di quelle cose con i miei…. se mai avessi una ragazza o una donna me lo tengo per me…”
Lui le aveva messo una mano sulla schiena, non osava muoversi, lei le aveva messo la guancia sul suo viso e poi con un breve movimento lo baciò sulla bocca, lui a quel punto le mise una mano sul seno e la strinse a se.
Quando si staccarono mia moglie le disse:
“Rimarrà un segreto tra noi due ? Me lo prometti ?”
Lui la guardò e promise:
“Lisa…. te lo prometto e te lo giuro…. non dividerò mai questo momento con nessuno…. il mio primo bacio…… stupendo….”
Lei lo fece alzare, le abbassò i pantaloncini, il suo cazzo era grosso e teso all’insù, iniziò un lento pompino poi si alzò in piedi e lo spogliò, lui spogliò lei e si abbracciarono nudi, lei mi fece un cenno con la mano e io mi infilai nello sgabuzzino, lo condusse in camera e si misero a letto, da uno spiraglio potevo spiarli senza essere visto, lei si mise a cosce aperte e lo accolse nella sua figa eccitata.
Il ragazzo spingeva lentamente e dolcemente, la baciava e le accarezzava le cosce e le grosse tette, sembravano due amanti in un atto d’amore.
Nonostante la sua giovane età, l’amplesso durò oltre un’ora, lei lo guidava nelle posizioni più eccitanti, lo gratificava della sua esperienza e quando lui la avvertì che non resisteva più lei le disse:
“Vieni dentro me tesoro…. sfoga in me…. voglio accogliere tutto il tuo piacere dentro di me…. voglio che ti ricordi della tua prima donna…. mi hai fatto godere….. dai veniamo insieme….. aaaaaaaahhhhh godo……. vengo……. anche tu……”
I loro sospiri si mischiarono e il loro piacere si fuse.
Rimasero a letto sdraiati e nudi, abbracciati come amanti esausti, io mi defilai dalla mia posizione, presi lo zaino e uscii furtivamente di casa.
Mi allontanai passeggiando un po’ poi telefonai a mia moglie:
“Cara, sto arrivando, vengo a pranzo a casa….”
Lei con voce roca mi rispose:
“Va bene, ma hai detto che oggi fai di nuovo una gita…. ? Si si ok allora oggi mentre tu vai via io prendo il sole….. ok a dopo”
Avevo capito che il pomeriggio avrei dovuto lasciare spazio per un’ altra scopata.
La sera lei mi parlò con tutti i dettagli delle sensazioni provate con il giovane Piero, mi confessò che le era piaciuto scoparselo senza preservativo perchè lui era vergine, aveva goduto nel sentire lo sperma che schizzava con tanta potenza giovanile dentro di lei, si era saziata e quindi a me aveva riservato una lunga sega.
Da allora, ogni quindici giorni, la devo portare in montagna, mi sono attrezzato con una telecamera ed un monitor e ho reso la cantina confortevole, di li guardo e mi masturbo mentre lei viene montata da quell’esile giovane con tanta dolcezza.

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. .


Online porn video at mobile phone


"racconti incesti""esibizionismo amatoriale""racconti esibizioniste""racconti erotici zia""cognata scopata"sverginata"racconti porno animal""sex racconti""racconti erotici clistere""rcconti erotici""racconti anale""racconti erotici cinema""storie incesti""pompino in classe""nonne porcone""racconti feticismo""erotici racconti tradimenti""racconti milf""racconti erotici bisex""storie erotiche gratis"raccontizoofilia"nonna pompinara""racconti erotici dottoressa""storie hard""confessionale erotico""suocera racconti""ragazze sculacciate""sesso con la prof""porno in vacanza""cuckold racconti""racconti ertici""racconti erotici vietati""scopata dal cane""storie hard""racconti erotici veri""porno schiave""a69 scambio""tettone al mare""sorelle porche""racconti coppie""racconti porno tradimenti"raccontieroticigay"pompini e seghe""racconti erotici zia""racconti coppie""racconti erotici nonne""incesto fratello e sorella""racconti gang bang""racconti erotici al cinema""hard gay""pompino cognata""storie porno reali""racconti erotici violenza""racconti erotici online""racconti incesto nonna""scambio coppie porno""oggetti nel culo""racconti gay bisex""geniv racconti erotici""storie fetish""racconti sesso incesto""pompino amica""porno pompe""racconti moglie inculata""cazzi esagerati"raccontimilù"fotoracconti erotici""racconti incesti lesbo""mamme scopano figli""novelle porno""letture hard""mia moglie nuda""gara di pompini""racconti prime esperienze""scopata nel culo"sborratoio"racconti erotici incesti""figlio scopa madre""racconti erotici violenti""fiumi di sborra""racconti erotici moglie""racconti erotici di tradimento""storie porno gratis""racconti erotico""racconto erotico tradimento""confessionale erotico""confessioni erotiche""racconti erotici topless""coppie bisex""racconti reali gay""racconti erotici mia zia""confessioni porno"