Monica – capitolo I e II

Monica – capitolo I e II

Spread the love

UNO.

La pioggia torrenziale di quel venerdì di inizio Luglio continuava in modo prepotente. I tergicristalli della Maserati faticavano non poco.
Eravamo partiti da una Milano colpita da una bomba d’acqua, alle otto diretti verso Milano Marittima per dieci giorni di vacanza decisi all’ultimo minuto.
Il covid e il post-covid aveva stravolto la nostra vita come quella di tutti. Le mie due aziende versavano in condizione drammatiche da più di un anno. Il Covid aveva dato il colpo di grazia. A settembre avremmo portato i libri in tribunale. Per fortuna avevo messo da parte qualche soldo che mi permetteva di guardare al secondo tempo della mia vita con un minimo di tranquillità. Anche La Maserati a settembre avrebbe lasciato il posto a qualcosa di meno costoso. Avevamo deciso di non fare vacanze di rimanere a Milano. I ragazzi erano partiti all’inizio del mese ospiti delle rispettive fidanzate e dei loro genitori che avevano una lussuosa villa in Sardegna. Così improvvisamente cogliemmo un’offerta per due settimane in un resort di lusso a Milano Marittima e partimmo.
Monica dormiva di un sonno profondo, sexy da impazzire anche addormentata. Indossava i pantaloni della tuta e si era tolta le scarpe, accovacciata sul sedile metteva in mostra i suoi splendidi piedi con smalto rosso da far uscire di testa.
Eravamo sposati da diciannove anni, due figli entrambi maggiorenni Raul diciannove e Stefano diciotto, ma mi attraeva ogni giorno di più. Capelli e occhi nerissimi, seni sodi né grandi né piccoli, mani bellissime, sedere meraviglioso e gambe e piedi da dea.
Monica era una donna con una carica erotica devastante attirava gli sguardi di uomini di tutte le età, e continuava ad attrarre anche il mio. Si teneva in forma e amava farlo vedere ed era difficile che qualcuno le desse quaranta anni. Di certo nessuno avrebbe detto che avesse i quarantotto che invece avevamo entrambi.
Il cielo sembrava schiarirsi, avevamo passato Bologna da poco stava per spuntare il sole.

“Dove siamo amore?” disse stiracchiandosi.
“Bologna amore, al prossimo autogrill mi fermo”
“Si incomincio a sentire caldo voglio togliermi la tuta”
“Mmmmmmmhhhhhhhh”
“Amore…sei un maiale lo sai?”
“Si per fortuna”
Mi fermai all’autogrill. Scesi e mi diressi all’interno per pisciare.
“Ti aspetto qui amore non voglio entrare, non prendo niente”
“Non prendo niente neanche io, arrivo subito”

Quando tornai, si era cambiata. Aveva uno dei suoi vestitini estivi floreali, corto e svolazzante.

“Ora sto meglio”
“Che figa che sei amore” dissi e gli diedi un bacio appoggiandola alla macchina.
“Ma è sveglio?” mi chiese
“Sempre per te amore mio”.

Salimmo in macchina e riprendemmo la marcia, lei mise i suoi piedi da dea sul cruscotto, il vestito non copriva più le sue gambe. Uno spettacolo per me e per chi riusciva a vederla. I camionisti suonavano. Era eccitante e lei era compiaciuta. Quella scena avrebbe contribuito ad alimentare le fantasie che utilizzavamo da circa tre anni in camera da letto. Quelle fantasie avevano rinvigorito, e non poco, la nostra sessualità. Lo facevamo spessissimo e giocavamo parecchio con la fantasia.
Io e Monica abbiamo sempre avuto una sessualità molto accesa, la chimica tra di noi è sempre stata molto alta. Ci siamo conosciuti quando andavo all’università, lei lavorava come cameriera in un ristorante di famiglia sui navigli. Andavo a mangiare quasi ogni pranzo. Ci siamo fidanzati e dopo un anno ci siamo sposati con lei incinta di Raul di un mese. Eravamo due bambini, vent’anni entrambi. Una follia incredibile. Sposi ventenni e da li a 18 mesi avevamo due figli. Una coppia del secolo scorso.
Nel corso degli anni abbiamo avuto degli alti e bassi, ho avuto qualche distrazione e credo anche lei, anche se non ce lo siamo mai detti, ma la nostra relazione non è mai stata in discussione.
Sono sempre stato un po’ geloso ma ho cercato di controllarla. Il pensiero di pensarla con un altro mi faceva salire il sangue al cervello. E di uomini intorno a lei sono sempre girati e anche ora.
Clienti, amici suoi, amici miei, camerieri, commessi di negozi, colleghi suoi, colleghi miei, istruttori della palestra, sconosciuti.

Anche io non ho mai avuto problemi ad avere donne intorno anche se non sono Brad Pitt. Statura media, capelli neri, fisico asciutto leggermente delineato. Le donne mi sono sempre piaciute molto e particolari come mani e piedi mi fanno alzare la temperatura.
Dicevo che il pensiero di pensarla con un altro uomo mi faceva provare una gelosia cupa ma da tre anni le cose sono cambiate. Il pensiero di vederla con un altro mi eccita moltissimo.
E’ una fantasia che la sorprese le prime volte e non sembrava piacerle ma dopo poco incominciò ad eccitarsi molto. Ora è una fantasia ricorrente ogni volta che scopiamo.
Mentre scopiamo con noi ci sono clienti, amici suoi, amici miei, camerieri, commessi di negozi, colleghi suoi, colleghi miei, istruttori della palestra, sconosciuti. Sempre solo nella fantasia. Purtroppo o per fortuna non so.
E’ una fantasia che ha bisogno di essere alimentata continuamente con personaggi reali. I camionisti e gli altri automobilisti che le guardavano le cosce e i piedi, sarebbero stati presto nel letto con noi. Non vedevo l’ora, il pensiero mi aveva fatto alzare il testosterone. Con una mano le toccai l’interno coscia, arrivai alle mutandine sentendola bagnatissima. Stava pensando la stessa cosa il mio amore.

DUE.

Arrivammo a Milano Marittima intorno a mezzogiorno. Avevamo prenotato una stanza fronte mare al Pineta Resort ma prima ci fermammo a pranzare. Un ristorante di pesce dove avevamo mangiato 10 anni prima. Il cameriere lasciando il menù si soffermò prima sul decolleté di Monica, poi sulle sue mani e poi sul piede sinistro che era in bella mostra dopo che Monica aveva accavallato le gambe in modo che potesse essere ammirato da chiunque passasse vicino al nostro tavolo.
Appena se ne andò con la comanda di una mezza frizzante e una bottiglia di Falanghina ci guardammo. La voglia cresceva.

“Ho voglia amore” dissi sottovoce.
“Porco, di cosa hai voglia?” mi rispose mordendosi il labbro.
“Di scoparti qui sul tavolo”
“Mmmmmhhhh…devi aspettare”
“Non so se resisto”
“Hai visto come ti ha guardato?”
“Ho visto amore, potrei essere sua madre”
“Ti scoperebbe adesso qui anche lui”
“Dai…”
Mangiammo divinamente e bevemmo tutta la bottiglia.
Non vedevo l’ora di essere in camera per scoparla. Ci alzammo per andare a pagare.
Il cameriere la guardava furtivamente e lei complice il vino, ricambiava qualche sguardo. Il suo sorriso che faceva pensare ogni cosa a chi lo riceveva.
Corremmo in albergo, sbrigammo velocemente le pratiche di check-in e finalmente fummo in stanza.
Le saltai addosso subito, l’appoggiai al tavolino. Mi slacciai i pantaloni e glielo infilai. Era bagnatissima.

“Ti piaceva il cameriere troia!” le dissi eccitatissimo mentre la penetravo con forza eccitato come un animale.

Colava di voglia e mugolava e come sempre si portò due dita in bocca simulando di avere un cazzo.

“Lo vorresti il suo cazzo in bocca adesso…puttana!”
“Oh si… glielo leccherei per bene!”
“Sei una troia, lo sai che sto già per sborrare”
“Lo sento bastardo, lo sento che è durissimo”
“Si, zoccola mi piace pensarti che succhi un cazzo mentre ti scopo!”
Le davo colpi profondi e poco dopo le venni dentro e mi accascia sulla sua schiena.
“Wow amore come sei carico!”
“Amore sei una figa devastante” dissi staccandomi mettendomi di schiena sul letto dopo aver tolto la camicia e i pantaloni che avevo abbassati alle caviglie.
Monica si tolse il vestito e il reggiseno e venne sul letto e me lo prese in bocca.

“Che bel cazzo che hai amore. Mi piace fartelo stare sempre dritto.”
“Amore fai stare il cazzo dritto ad ogni uomo che incontri” dissi sospirando.
Continuò a leccarlo e poi quando fu di nuovo durissimo s’impalò.

“Che porco che sei amore, ora fammi godere!”
“Si amore mio prendilo tutto”

Continuava ad aumentare il ritmo, sentivo colare sul mio cazzo la sua roba e la mia.

“Ti piaceva il ragazzo?” le chiesi
“Chi il cameriere?! Si carino. Un po’ troppo giovane”
“Se fosse qui glielo prenderesti in bocca eh troia?!” continuai mettendole due dita in bocca”
“Oh si, mentre mi impalo sul tuo bel cazzo mi piacerebbe leccarglielo”
“Quanto sei puttana amore”
“Si, e tu ti ecciti ad avere una moglie così puttana. Sei un porco bastardo.”
“Mi piacerebbe vederti scopare con lui!”
“T’incazzeresti!”
“M’incazzerei ma mi ecciterei come un toro nel vederti”

“Settimana scorsa mi sono fatta scopare” ansimava.

Ebbi un fremito. Era già capitato altre volte che si fosse inventata una scopata che non c’era mai stata, ma in quella frase qualcosa mi lasciò una sensazione strana. Ebbi un dubbio, mentre lo diceva la figa era più calda e colava di più. Era eccitatissima.

“Con chi hai fatto la troia?” chiesi come sempre quando iniziava a raccontare.
“Sai il tecnico della fibra che è venuto martedì?”.

C’era stato un problema nel palazzo e un tecnico aveva fatto il giro di tutti gli appartamenti che avevano problemi di connessione. Era venuto alle 10,30 e io ero uscito poco dopo lasciandola in casa con lui. Un tipo sui 35 anni, palestrato e con tatuaggi sui bicipiti. Monica ha da sempre un debole per i tatuaggi. La cosa mi aveva intrigato e la sera l’avevo scopata fantasticando il sesso che avesse potuto fare con lui. Come sempre avevamo goduto entrambi.
Era strano che ritirasse fuori quel tizio mentre stavamo scopando.
Invece di parlare dei camionisti, o del cameriere, mi stava raccontando ancora di lui. Una scossa di gelosia mi pervase. Le piaceva quel tizio. Allo stesso tempo il mio cazzo era sempre più duro.

“Si amore mi ricordo. Ti voleva scopare. Come tutti!”
“Non mi toglieva gli occhi di dosso e io gli sono passata vicino più volte”
“Eri in pantaloncini e infradito?”
“Si amore, lo sai come sto in casa”.
Continuava a muoversi ritmicamente, caldissima e eccitata.
“E cosa è successo?”
“I suo sguardi da porco mi hanno fatto bagnare?”
“… troia anche adesso ti sento più calda e più bagnata!”
“Oh si…che braccia che aveva…mmmmmmmmmmm”
“Ti ha fatto eccitare proprio, puttana?!”
“Si amore, molto. La quarta volta che sono passata vicino, si è alzato e mi ha spinto contro il muro”
“E tu?” chiesi sempre più dubbioso che fosse accaduto realmente.
“Io – continuò – ho tentato di allontanarlo debolmente, ma ero fradicia e l’ho lasciato fare!”
“Continua amore che mi fa impazzire la scena!” dissi cominciando a toccarle le tette e strizzarle i capezzoli.
“Mi ha preso una mano e me l’ha messa sul suo cazzo e intanto mi leccava ovunque”
“E tu che hai fatto?”
“Ero eccitatissima amore. Il suo cazzo era durissimo e le sue mani andavano dappertutto. Si è slacciato i pantaloni, lo ha tirato fuori. Era durissimo e scappellato, mi ha fatto girare e appoggiare alla lavatrice. Mi ha tolto i pantaloncini, ha spostato le mutandine e me lo ha infilato. Ero bagnatissima, il suo cazzo scivolava bene dentro”.
“Oh che troia sei…amore. Impazzisco! Continua.”
“Mentre mi scopava mi diceva che ero troia. Eccitato come un animale mi diceva Senti troia come mi hai fatto eccitare, prendilo tutto cagna!”
“Amore sto impazzendo mi sto immaginando la scena di quel porco che ti fotte come una troia”
“Poi – continuava a descrivere ansimando – dopo quattro colpi mi ha girato mi ha fatto inginocchiare e mi ha messo il suo grosso cazzo in bocca e ho cominciato a fargli un pompino…”
“Glielo ho leccato. Più spompinavo e più mi bagnavo. Aveva il cazzo durissimo.”
“E lui che ti diceva”
“Mi diceva lecca troia, leccamelo bene che sei un gran troia! E io leccavo”
“E poi amore che hai fatto?”
“Poi, si è tolto i pantaloni completamente e mi ha spogliato mentre mi palpava ovunque. Mi ha messo contro il muro e mi ha scopato in piedi con quel suo cazzo enorme”.

Stavo godendo come un pazzo, avevo voglia di ribaltarla e sbatterla forte per venire ma volevo che continuasse a raccontare.

“Poi siamo usciti dal locale lavanderia e mi ha messo sul tavolo vicino alla cucina e mi ha scopata forte tenendomi le caviglie come fai tu!”
“Ti ha leccato i piedi?”
“Oh si, mi ha preso i piedi in bocca mentre mi sfondava”
“E che diceva?”
“…sei propria una troia mi diceva… Tuo marito al lavoro e tu ti fai sfondare dal primo venuto. Prendilo puttana. Senti come mi fai eccitare. E mentre lo diceva io mi eccitavo sempre di più”
“E tu che gli dicevi?
“Gli dicevo sfondami porco, mi ha bagnare tutta. Sfondami con il tuo cazzone. E lui mi diceva che ero proprio una puttana. All’improvviso mi ha girato e me lo infilato nel culo. Ho goduto come una troia sono venuta dopo tre colpi nel culo. Urlavo come una pazza di piacere!”
“Che porca!” Sospirai ed incominciai a leccarle i seni mentre continuava a impalarsi sul mio cazzo e accelerare il ritmo. Stava venendo, s’inarcò e venne in un orgasmo profondo urlando. Avevo voglia di sborrare, stavo per ribaltarla sulla schiena ma mi fermò.
“Stai giù che non ho ancora finito!”

Rimasi giù con il mio cazzo sempre durissimo e lei continuava nel suo movimento.
Lei continuò a raccontare:

“Dopo che sono venuta quel maiale, si è alzato e mi ha fatto mettere di nuovo in ginocchio. Se lo menava forte e mi teneva la testa davanti al suo cazzo.”
“E tu?”
“E io ho aperto la bocca pronta prendere la sua sborra”
“Oh si…. quanto sei puttana!”.
“All’improvviso mi ha inondata della sua sborra, in bocca e sul viso. E mi diceva lecca troia, pulisci e ingoia. E io l’ho fatto”.
Mentre lo diceva si stava inarcando e venne ancora con due volte consecutive urlando di piacere immersa in quella fantasia. Se poi era davvero una fantasia.
La ribaltai e dopo due colpi forti sborrai dentro di lei.

“Amore mi ha fatto eccitare come non mai con questa storia, quanto sei bella” le dissi dopo averle riempito la figa.
“Sei un porco amore…”

Rimasi qualche secondo sopra di lei poi mi alzai e andai a prendere dell’acqua e in bagno.

“Ma l’hai fatto davvero amore con quel tizio?” le dissi tornando sul letto.
“Ma ti pare amore?! Che ti prende?!” chiese stupita.
“Sembrava così realistico il racconto rispetto ad altre volte”
“Meglio, no?! Ti sentivo eccitatissimo”
“Anche tu amore eri calda e bagnatissima.”
“Che novità è? Ci eccitiamo cosi da un sacco di tempo ormai.”
“Si ma questa volta ti sentivo come se ti sarebbe piaciuto farti scopare veramente da quello…”
“Beh si, lo avrei fatto!”

Rimasi in silenzio come stordito da un pugno. Un misto di gelosia ed eccitamento.

“Amore- riprese lei – a forza di scopare con questo tipo di fantasie mi è venuta voglia di farlo davvero. Ma tu ti incazzeresti, lo so già”.
“Non lo so amore. Nella fantasia mi eccita da morire e lo sai. Nella realtà non lo so come reagirei”

Mentre parlavo mi stava tornando duro. Lei mi mise il suo piede sul cazzo e dopo poco scopammo ancora con foga.

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. .



"sesso hard""letture erotiche""pompini al cinema""racconti porno moglie""prima volta anale""storie cornuti""racconti erotici segretaria""racconti eroyici""pissing lesbian""storie hard"minidotato"racconti erotici gratis""porno racconti al cinema""tette in pubblico""storie hard""storie incestuose""nel culo no""racconti erotici vacanze""scopata in culo""racconti erotici gratuiti""racconti trans""nipote troia""mi scopo mia cugina""scopata con animali""ho voglia di cazzo""racconti erotici incinta""storie cuckold""orgia in famiglia"iraccontidimilu"mia moglie inculata""racconti erotici cani""donna inculata""racconti cornuti""moglie porca""racconti erotici gay & bisex""racconti erotici punizioni""mutandine sotto la gonna""pompini estremi""porno 18 anni""racconti sessuali""storie porno""incesto padre figlia""racconti erotici signora""sesso anale violento""racconti orge""sesso in famiglia""racconto porno""racconti erotici ragazza""sverginamento anale""racvonti erotici""suocera scopata""storie incesto""mogli in calore""racconti erotici bdsm""racconti lesbici""teen bisex""scopare la suocera""sorellina vergine""racconti erotici di incesti""sesso con mia mamma""racconti erotici lesbo""sesso tra donne e animali""mi scopo mia cugina""racconti mistress""racconti di pompini""racconti di troie""racconti cuck""racconti mature""racconti eroticiincesto""elisa nuda""racconti di coppie""racconti erotici animal""pissing lesbian""racconti incesto mamma""racconti erotici clistere""scopa la suocera""moglie puttana e marito cornuto""travestito inculato""lei incula lui""racconti erotoci""clitoridi enormi""porno racconti incesti""scopata a tre""racconti moglie condivisa""racconti erotic""racconti incesto erotici""storie eccitanti""storie hard gay""racconti moglie troia""incesto mamma figlio""pompino cavallo"