Racconti Trucidi – 6 – Trento – Elettra, la professoressa di matematica

Racconti Trucidi – 6 – Trento – Elettra, la professoressa di matematica

Spread the love

Racconti Trucidi: questo titolo mi fa impazzire. Lo Zio Paolo ha proprio una grande fantasia per inventarsi qualcosa di “simpatico” quando siamo nel campo dell’ erotismo.
Da molto tempo mi piace leggere racconti in questi siti, mi diverte identificarmi (a volte) nelle esperienze di qualche ragazza, mi stuzzicano le descrizioni di certe situazioni erotiche, mi eccito, anche, nell’ immedesimarmi di certe vicende. Però mai, mai una volta ho pensato di contattare uno degli scrittori di questi racconti e, soprattutto, di raccontare i fatti miei. Invece un giorno, non so perché, leggo un racconto dello Zio Paolo, mi piace, ci penso un poco e poi mi decido e gli scrivo. Poi, si sa, da cosa nasce cosa ed alla fine sono qui a parlare di qualcosa di veramente “forte” che mi è capitato (e sta continuando…) di recente.

Sono Elettra, sono abbastanza giovane anche se non sono più una ragazzina, ho 35 anni sono abbastanza carina, alta 164, fisico snello, molto tonico per via dello sport che ho sempre praticato e pratico, seno piccolo ma molto ben fatto, belle gambe, viso abbastanza espressivo: insomma, una bellezza poco appariscente, però non mi sono mai mancati gli ammiratori. Ho un carattere molto forte, mi piace raggiungere gli obiettivi che mi pongo, odio perdere e non accetto di essere comandata da nessuno.

Dicono: “Dio li fa e poi li accoppia” e nel mio caso c’ è del vero, perché a 16 anni ho conosciuto Antonio, un mio compagno di classe, che è risultato il mio “partner” perfetto e che oggi è mio marito: ha, infatti, un carattere abbastanza remissivo ed è perfettamente complementare a me, però in casa i pantaloni li porto io. Tutto questo, ovviamente, l’ ho scoperto con il tempo, all’ inizio la più timida ero io. Con Antonio, comunque, ho avuto le mie prime esperienze sessuali, tutto nella norma.

La grande svolta è arrivata quando siamo andati all’ Università, a Bologna; io sono andata a vivere in un pensionato per ragazze, mentre il mio ragazzo ha affittato un appartamento con due suoi amici che conoscevo molto superficialmente. Era una situazione perfetta: finalmente liberi dal “giogo” delle famiglie, con una stanza sempre a nostra disposizione abbiamo cominciato a scopare come pazzi. Però, come si sa, il diavolo suole metterci al coda e dopo poco tempo le cose sono cambiate: mi sono incapricciata, infatti, di uno degli amici di Antonio; ho cominciato a pensarci, a ripensarci e mi sono messa in testa di “provarlo”. La curiosità di avere una nuova esperienza con un altro ragazzo poco a poco è diventata irresistibile e così un giorno ho deciso di agire. Già c’ era stato un “gioco” di sguardi tra me e lui, per cui ero fiduciosa che avrei ottenuto quello che volevo. E così un giorno ho approfittato del fatto che Antonio era a lezione mentre il suo amico era in casa e mi sono presentata. La fortuna mi aiutò, c’ era solo lui e così tutto è stato facile: dopo pochi minuti di finto imbarazzo e di “avanches” appena accennate, ci siamo scatenati in una furibonda scopata, di grande soddisfazione, almeno per me.

È cominciato così un periodo in cui ho vissuto sensazioni molto intense e contradditorie: da un lato mi piaceva sempre più scopare con questo nuovo “amante”, dall’ altra sentivo un po’ di rimorso verso il mio ragazzo. Però tutto durò molto poco: per il solito “qui pro quo”, un giorno Antonio rientrò in casa prima del previsto, mi scoprì a letto col suo amico e …… tutto si chiarì. Infatti dopo le prime prevedibili sfuriate di Antonio, che io accettavo ma non del tutto passivamente, mi resi conto che la situazione non era tanto grave come poteva sembrare. Il mio ragazzo, infatti, era sì arrabbiatissimo, però non mi ha mai detto che mi avrebbe lasciata; mi impose di non scopare più con il suo amico però continuavo ad andare a casa sua per scopare con lui.

Una volta che eravamo a letto nudi a chiaccherare dopo aver scopato, cominciammo a parlare del suo amico e di quello che avevo fatto. Non era la prima volta che lo facevamo e Antonio dimostrava sempre più interesse verso questo argomento ed esigeva sempre più dettagli.
“Però, continui a dirmi che sono una troia, che mi sono fatta montare come una cagna infoiata, che non merito nessun rispetto ed intanto continui a scoparmi. Se ti faccio tanto schifo, perché continui a chiavarmi?” gli dissi ad un certo momento.
“Che c’ entra” mi rispose “ E’ solo per parlare”
“Solo per parlare? Mi fai ridere. Ogni volta che ti racconto qualcosa ti ecciti come una bestia. Guarda qui, hai appena sborrato ed è bastato che accennassi a dirti qualcosa e già ce l’ hai duro come il marmo!”
“Ma ti piaceva così tanto scopare con lui?” mi domandò
“A te cosa importa?”
“Beh, visto che sono cornuto vorrei almeno essere informato completamente” mi disse molto poco convinto.
“Certo che mi piaceva scopare con lui. È bravo, scopa bene, ha un bel cazzo e lo usa bene” cominciai a dirgli e nello stesso tempo gli leccavo la cappella, gli stringevo dolcemente le palle, mi strusciavo su di lui.
“Con te è diverso perché sono innamorata di te, mentre lui lo desidero solo fisicamente”
“Vorresti scoparlo ancora?”
“Si, mi piacerebbe molto, però se tu non vuoi non lo vedo più. Non voglio rovinare tutto. Però mi piacerebbe tanto…”
“Ma sei proprio sicuro di volere che io non chiavi più con lui? Hai un cazzo spaventosamente duro. E ogni volta che ti parlo di questo sei sempre così!”
“Ti eccita tanto che ti racconto di come mi chiavava?”
Stava zitto in preda ad una eccitazione estrema; ed allora ne approfittai.
“Certo che era bello. Poi c’ era anche il fascino del proibito, la voglia di un maschio nuovo, era bello. Poi sentire il suo cazzo strusciarsi sulla mia pancia, prenderlo in bocca e sentirlo tutto eccitato per me, guardarlo mentre mi infilava il cazzo nella fica, era bello, tutto era bellissimo!”
“Te lo ha messo anche nel culo?” mi chiese con un fil di voce Antonio.
“Ma certo! Lo sai che mi piace tanto, come potevo rifiutarmi?”
“Certo che sei proprio al limite della sopportazione, se ti passo un paio di volte la lingua sulla cappella ti faccio sborrare di nuovo, vero?”
“Si” mi rispose quasi strozzato.
“Perché non facciamo una cosa? Così risolviamo tutto e ritorniamo a vivere sereni come prima?”
“Cosa?”
“Adesso lo chiamo, tanto lo so che è nella sua stanza, e facciamo l’ amore in tre, senza arrabbiature e senza gelosie. Che ne pensi?”
“Sei proprio troia”
“Può essere, però mi sembra che tu mi vuoi così!”
“Sei una cagna, pensi solo al cazzo”
“Non è colpa mia, mi hai abituato tu così”
“Sei una fogna morale, una sgualdrina, non pensavo che potesse esistere una puttana grande come te, mi fai schifo. Mi fai veramente schifo!”
“Lo chiamo?”
“Si!” disse quasi urlando.

E lo chiamai e tutto fu più semplice: quella volta ci chiarimmo rapidamente, facemmo sesso in tre (per me la prima indimenticabile volta) e continuammo felici e contenti. Naturalmente dopo pochissimo fu inevitabile coinvolgere anche il secondo amico-coinquilino di Antonio e la mia vita sessuale si indirizzò verso una direzione di totale soddisfazione. Ho passato i quattro anni di Università con tre cazzi a disposizione, sempre pronti a soddisfare le mie voglie e che mai mi hanno lasciato a bocca asciutta. Però sono stata fedele, per quattro anni ho scopato solo con loro tre….ha ha ha.

Quando mi sono laureata in matematica, sono rientrata nella mia città ed ho cominciato la mia carriera nell’ insegnamento; prima con delle supplenze saltuarie poi sempre meglio, il classico iter di una professoressa. Dopo un paio di anni anche Antonio si è laureato, è rientrato pure lui, ci siamo sposati, abbiamo avuto due figli e viviamo sereni e felici.

Su piano sessuale la mia intesa con Antonio è ottima, però io ho bisogno, di tanto in tanto, di qualche “distrazione” fuori casa. Non mi manca niente, però farmi una bella scopata di tanto in tanto serve a “scaricarmi”, a liberarmi di qualche “scoria” accumulata. Non cerco amanti, né amicizie, cerco la bella scopata di una sera (o due o tre incontri, non di più); mio marito me li concede e alla fine riprendiamo il nostro gioco che ancora ci piace, gli racconto tutto mentre scopiamo. Ovviamente tutto ciò vale solo per me: con il carattere che ho, se solo mi accorgessi che Antonio pensa ad un’ altra donna, si pentirebbe di essere nato! Però tutto ciò non mi ha mai creato alcun problema, tutto è rimasto molto tranquillamente sotto controllo. Fino a poco tempo fa…

Dopo parecchi anni di supplenze “itineranti” quest’ anno ho avuto la opportunità di insegnare nel Liceo che avevo frequentato. È stata una bella soddisfazione professionale ed una grande emozione: entrare in altra veste in quelle aule che avevo frequentato da ragazzina piena di sogni e di speranze mi ha addirittura commosso.
I rapporti con gli studenti sono stati sempre ottimi: ripeto, ho un carattere molto forte per cui riesco a mantenere facilmente la disciplina in classe, quello che invece non sono riuscita a controllare sono le mie sensazioni a fronte di certe persone.

Nella classe dell’ ultimo anno, infatti, ci sono quattro o cinque ragazzi veramente belli: fino ad oggi avevo scelto come amanti occasionali persone della mia età o più grandi. Non avevo mai soffermato la mia attenzione o il mio interesse sui ragazzi molto giovani. Qui, invece, anche perché li avevo sotto i miei occhi tutti i giorni, ho cominciato a provare strane sensazioni, mi sono scoperta a pensare a loro anche fuori della scuola, di fantasticare situazioni strane; scacciavo questi pensieri, ma poi ritornavano.

In particolare uno, Roberto, mi stuzzicava particolarmente: alto, biondo, capelli a caschetto, viso simpatico, ottimo sportivo e, soprattutto, grande sciatore, carattere aperto e gioviale, adorato da tutte le ragazze. Anche altri ragazzi erano molto affascinanti, però Roberto mi attirava di più. Io cercavo di mantenere un contegno, ma non potevo esimermi dal rispondere a certe “battutine” ed evidentemente non risultavo troppo credibile come “arcigna” professoressa di matematica. C’ erano, inoltre, espliciti giochi di sguardi (anche con gli altri ragazzi a dire il vero) che mi turbavano parecchio; continuavo a dirmi di non fare sciocchezze, però il mio pensiero tornava sempre lì.

Un giorno, alla fine della lezione, mentre stavamo uscendo dall’ aula Roberto mi fece una battutina, niente di eccezionale, che però mi turbò:
“Ma che cosa fa la nostra professoressa quando non è a scuola?”
Rimasi colpita, non sapevo cosa dire, poi farfugliai:
“Niente, faccio la mamma!”
“Ma non ci credo che faccia solo quello, andrà pure a divertirsi qualche volta”
“Ma dai, e poi io sono una vecchietta per voi…”
“Averne di vecchiette così!” e si allontanò.

Sarò anche ridicola, però quella battuta, quella manifestazione di interesse mi colpì, mi colpì duro; andai a casa e non pensai ad altro per tutto il giorno. Per un paio di giorni la situazione si ripropose, ricerca da parte di Roberto di un momento di contatto con me, qualche frase “amichevole”, scherno sempre meno convinto da parte mia, fino a che in risposta ad una frase un po’ sibillina:
“Ma la nostra professoressa si divertirà qualche volta…”
risposi un po’ avventatamente:
“Certo, ma non so se tu saresti all’ altezza!”

Mi morsicai la lingua un secondo dopo averla detta, ma ormai la frittata era fatta. E il giorno dopo ne pagai le conseguenze: in un’ atmosfera quasi surreale, era il momento della ricreazione, tutti i ragazzi erano nei corridoi, io stavo andando in sala professori e Roberto mi si avvicinò. Sembrava un semplice contatto tra studente e professore, ad uno sguardo dall’ esterno poteva sembrare una tranquillissima conversazione su temi scolastici, ed invece Roberto mi disse:
“Io credo di essere all’ altezza della situazione. Anzi ne sono sicuro. Se vuoi te lo dimostro questa notte; vediamoci alle 10 davanti al Motel XXXX”. Mi disse questo tranquillamente, senza nessun gesto o espressione particolare, me lo disse davanti a tutti senza che nessuno potesse capire e se ne andò. Aveva usato di proposito il tono confidenziale dandomi del tu, ma mi aveva guardato come una femmina, la professoressa era scomparsa. A casa passai un pomeriggio in totale panico, non sapevo cosa fare (nel dubbio, però, mi depilai perfettamente e mi lavai i capelli), telefonai a mio marito e gli dissi di tornare a casa prima del solito, gli parlai, mi lasciò carta bianca e alla fine andai.

Quando arrivai Roberto era già là: era bellissimo, chiaramente lusingato ma anche molto gentile. A me tremavano le gambe, non sapevo cosa dire, mi vergognavo come una ladra ma ero anche in preda ad un’ eccitazione incontrollabile. Sbrigammo le formalità alla “recepcion”, salimmo in silenzio con l’ ascensore, entrammo nella stanza e rimanemmo soli, uno davanti all’ altro.
Roberto non disse nulla, mi aiutò a togliermi il soprabito, anche lui si tolse il giubbotto e poi si voltò verso me, mi fissò per un attimo e mi sorrise. Quel sorriso mi fece bene, cominciai a sciogliermi e sorridendo a mia volta gli dissi: ”Vieni qui”.
Si avvicinò, mi prese dolcemente per i fianchi e mi attirò dolcemente verso di sé: sentivo la forza delle sue braccia di sportivo, sentivo la energia che emanava il suo fisico, sentivo il suo cazzo durissimo appoggiato sulla mia pancia.
“Allora prof, finalmente siamo qui!”
“E’ già un bel po’ di tempo che ci giriamo intorno”
“Perché dici così?” cercai di dire un po’ pateticamente
“Non mi dire che non hai accettato i giochi di sguardi che abbiamo fatto in queste settimane”
“Cosa vuoi dire?”
“Su prof, non fare la finta ingenua. Lo sai che mi sei piaciuta subito, a dir la verità piaci molto a tutti in classe!”
“Davvero?” farfugliai con finta ingenuità
“Certo e tu sembri anche interessata a tutti. Però io lo sono di più e per questo ho voluto che venissi qui oggi”
“Perché la mia prof è bella, la mia prof è sexy, anche se si veste in maniera un po’ castigata a scuola. La mia prof deve essere una bomba erotica, io ne sono convinto”
“Perché dici così?”
“Perché emani sensualità ad ogni movimento, perché hai uno sguardo che ci fa impazzire tutti, ecco perché, prof”
“E poi mi sembra che la mia prof abbia tanta voglia di carne fresca…” e mentre diceva tutto questo mi strofinava il cazzo sulla pancia, abbassandosi anche un po’ sulla fica, mi accarezzava la nuca, con le labbra mi lambiva l’ orecchio o mi baciava sul collo. Per essere un ragazzo di 18 anni era molto esperto, si vede che ha grande successo con le donne…

Poi ha incomiciato a spogliarmi, un po’ mi vergognavo e gli ho chiesto di spegnere la luce
“Assolutamente no, prof, ti voglio vedere tutta, ti voglio vedere nuda, ti voglio vedere godere”
A quel punto non sono più riuscita a controllarmi e ho cominciato a slacciargli i pantaloni, volevo il suo cazzo, lo volevo subito
“Che foga la mia prof, allora avevo ragione a pensare che ha voglia di carne fresca, ha bisogno di un bel cazzo giovane. Tranquilla prof, sono qua tutto per te!”
Lo succhiai con ingordigia, sembrava che non avessi mai fatto un pompino. E poi fu quello che fu: Roberto mi ha letteralmente distrutta, mi ha scopato con tutta la vigoria che può avere un ragazzo come lui, mi ha portato al punto di dirgli basta. Sono tornata a casa a alle quattro del mattino, mio marito era preoccupato e si è preoccupato ancora di più quando mi ha visto: avevo la faccia devastata dal piacere. Ho dormito un paio di ore e poi mi sono preparata per andare a scuola. Ero in condizioni deplorevoli, però dovevo andare. Roberto risolse il problema molto brillantemente, semplicemente non venne a scuola, però io non lo potevo e non lo volevo fare. Per ironia della sorte le prime due ore di lezione le avevo proprio con la classe di Roberto, però non ero sicuramente in grado di spiegare qualcosa o di interrogare qualcuno; così decisi di far fare un bel compito in classe a sorpresa.
Così ho potuto passare due ore cercando di non addormentarmi e pensando a quello che era successo.

Era stata una notte incredibile. Roberto si era dimostrato un amante formidabile: sul suo vigore fisico non avevo dubbi, ma mi ha sorpreso la sua esperienza e la sua capacità di controllare le sue reazioni emotive (in questo, magari, aiutato anche un poco da me che lo incitavo a trattenere i suoi orgasmi perché volevo godere di più io). Io ero un po’ tesa all’ inizio, però ai primi baci focosissimi ho cominciato a rilassarmi ed mi sono gustata la notte come meglio non potevo. Tremende leccate di fica, palpate da togliere il fiato, le dita infilate dappertutto, i primi orgasmi sono arrivati immediatamente, evidentemente avevo accumulato (più o meno consciamente) una spaventosa voglia di quell’ incontro, mi avvinghiavo a quel cazzo con una bramosia come se non volessi lasciarlo mai più.

“Ma guarda qui la mia prof! Guarda che voglia di cazzo che ha! Ma non scopi mai? O è il tuo alunno preferito che ti fa questo effetto?”
“Quasi quasi ne approfitto! Non studio più matematica però tu mi dai bei voti altrimenti non ti scopo più, prof”
“E non si stanca mai la mia prof, più chiava e più vuole essere chiavata. Per fortuna che hai trovato uno come me che ti può scopare per tre giorni di fila se lo vuole…”
“Ma lo sai, prof, che in classe siamo in diversi a pensare cose su di te?”
“Cosa pensate?” riuscii a dire in un barlume di lucidità.
“Che sarebbe bello chiavarti, tutti ne sono convinti. Adesso potrò dire loro che avevamo ragione. La prof è una mangiacazzi insaziabile!”
“Se lo dici a qualcuno ti ammazzo!”
“Allora, cara prof, dovrai comportarti bene, dovrai darmela quando te la chiederò!”
“Va bene, basta che non lo dici a nessuno e che continui a chiavarmi bene!”

Momenti divini, solo quando scopavo con i tre a Bologna ho raggiunto orgasmi di questa intensità; però là erano tre cazzi, tutti in corpo in tutte le combinazioni possibili; qui Roberto faceva tutto da solo e mi faceva impazzire.
Non mi riconosco quasi più: sono qui, seduta alla cattedra, davanti a tutti i miei allievi che stanno facendo un compito e io sono qui, con la fica fradicia al pensiero di quello che ho fatto questa notte. Sono distrutta, faccio fatica a stare seduta per il dolore che sento al culo dopo il “trattamento” di Roberto (credo che mi abbia inculato per almeno una ora o di più…), ho la fica tutta indolenzita, mi fa male tutto il corpo, eppure se si prentasse qui Roberto gli salterei addosso in un attimo. Ho una voglia pazzesca, se serrassi le cosce e contraessi i muscoli vaginali avrei un orgasmo immediato, qui davanti a tutti i miei allievi. Ma non so come sarebbe possibile non essere in queste condizioni pensando a quello che ho passato!

Come quando ad un certo momento me lo ha messo nel culo e mi stava montando come un forsennato: il cazzo in culo, con il dito della mano destra mi tintillava il clitoride, con la mano sinistra mi teneva una tetta e mi strizzava il capezzolo e con la lingua mi leccava il collo. Dio mio che momenti, era dai tempi dell’ Università che non godevo tanto!

Questa volta avrò molti motivi per giocare con mio marito quando gli racconterò di questa notte!

In genere quando mi sono concessa qualche “digressione” mi sono scelta persone con le quali è stato facile gestire la situazione. Qui sembra tutto molto più difficile: Roberto è mi ha stregato, questa notte gli ho dato tutta me stessa; mi voleva anche fotografare e fare un video mentre scopavamo, ma, almeno quello, sono riuscita a evitarlo (per quanto non so…).

Però ci sono anche questi quattro ragazzi suoi compagni che non sono niente male. Mi piace guardarli mentre stanno facendo il tema in classe. Sono belli, sensuali, desiderabilissimi…Questa mattina ho avuto la sensazione che mi guardassero in maniera un po’ strana, quasi ironica. Non posso credere che già sappiano tutto. O forse già sapevano che avrei incontrato Roberto. O forse è una mia suggestione. Chissà!
Certo che il pericolo esiste, io mi sono fatta giurare da Roberto che non ne avrebbe parlato con nessuno, però, parlando molto realisticamente, è difficile pensare che un ragazzo di diciotto anni non dica a nessuno che si è scopato la professoressa di matematica!!!
Ho sempre pensato che ogni volta che avrei scopato “fuori casa” doveva essere “una botta e via” o poco più, però qui la situazione è diversa. Qui la situazione mi sta prendendo la mano. Ho paura che sarà difficile rinunciare a Roberto e, magari, anche ai suoi amici.

E infatti….

Graditi commenti al: [email protected]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. .



"tette a scuola""figlio scopa la mamma""racconti erotici vietati""racconti porci""porno guardone""racconti porno gay""porno con cane""stupro anale""gay che si inculano""pompino al cavallo""veri incesti""porno con la zia""inculate violente""raccinti erotici""racconti erotici gravidanza""cazzo largo""cognata porca""sfondamento anale""storie hard""incesti racconti""scopata in culo""storie anali""racconti rotici""amica scopata""sesso sulla sedia""grande cazzo""due cazzi in figa""racconti erotici bsx""storie erotici""pompini di nascosto""racconti erotici piedi""porno suocere""sorelle porche""racconti anale""cuckold racconti""scopata in palestra""mogli condivise""sesso con suocera""storie erot""sesso in famiglia""scopate al mare""racconti anal""moglie con negro"raccontiincesto"racconti erotici sesso in famiglia""tette scoperte""storie di sesso gay""storie amatoriali""racconti rtotici""racconti lesbici""porno in discoteca""incesti mamme""sorelle tettone""pompino in aereo""racconti incesti in famiglia""racconti erotici sodomia""incesto reale""racconti sculacciate""nudisti porno""trenino gay""il mio primo pompino""racconti di inculate""racconyi erotici""donna delle pulizie porno""racconti porno di coppie""scopata da un cane""raconti erotici""moglie sodomizzata""racconti di sesso veri""mi scopo mia cognata""figa dilatata""storie erotiche""pompino al cinema""racconti erotici supposta"autopompino"racconti ose""storie di sesso gay""incesti veri""racconti di mogli troie""racconti vietati""mamma ti scopo""racconti vietati""racconti erotici madre""uomo inculato""sesso lesbo violento"