La porno prof

La porno prof


Cap I
(Tutti i protagonisti di questa storia vera sono maggiorenni)Salve, mi chiamo Omar C. e frequento il quinto anno del Liceo Scientifico in una città del nord Italia, e quest’anno abbiamo come insegnante di Lettere la prof. Sciarra, una di Bari. Una mora molto carina con i capelli ricci e la faccia rotonda e simpatica, gli occhi neri e la carnagione un po’ scura come le belle donne del Sud. È bassa di statura ma ha un corpo dalle forme generose. Ha 45 anni ma è molto giovanile, infatti più di una volta capita che mettendosi a fare capannella con alcune sue alunne venga scambiata per una di loro, anche se sul viso si notano quei segni che rivelano gli anni, senza però sminuirne la bellezza ma anzi conferendole quel fascino di donna matura che attira molto noi ragazzi. Sia io che i miei amici la troviamo molto più affascinante e piacente di tante nostre compagne che pur essendo molto carine non riescono a stimolare le nostre fantasie di adolescenti infoiati come invece riesce a fare lei.E così nel giro di un paio di settimane dall’inizio della scuola io e i miei due compagni abbiamo messo su un bel po’ di fantasie sulla prof Sciarra che ha un gran bel culo rotondo e sodo e che risalta infilandolo sempre in jeans aderenti. Stiamo notando che anche i professori non disdegnano di dare una furtiva occhiata a quel bel culo quando ne hanno l’occasione. Soprattutto Ferretti di Educazione Fisica che col suo aspetto atletico e coi suoi modi da macho è sempre certo di potere avere tutte le donne che vuole, ma la Sciarra non è proprio il tipo di donna che si interessa a quegli atteggiamenti, infatti gli dà pochissima confidenza.Alla professoressa Sciarra piace stare con i suoi alunni; piace stare con noi ragazzi. A lei piace mettersi sul nostro stesso piano e più che inculcarci nozioni le interessa trasmetterci la passione per le lettere e per tutti i personaggi che nel corso dei secoli hanno arricchito il nostro patrimonio letterario con le loro grandi opere. Le piace farlo ponendosi più da amica che da insegnante. Ci parla di Omero, Dante e Leopardi come se fosse una nostra coetanea che tornata da un concerto rock ci racconta dell’esperienza passata coi suoi idoli. Lei non fa come gli altri prof che mantengono distanti i ruoli ”insegnante-alunno”. Grazie al suo metodo è riuscita a farci affezionare alla sua materia; sa essere brillante, simpatica e scherzosa, salvo però rimetterci in riga quando approfittiamo della sua tolleranza, allora sa farsi severa e rigida, e con un tono di voce che non ammette repliche (e delle occhiate che inceneriscono) ecco che ristabilisce distanze e ruoli.Oltre al suo modo di fare (e di essere) io, Michele e Tonino abbiamo preso ad affezionarci veramente al suo bellissimo culo e non ci lasciamo sfuggire quante più occhiate possiamo dargli.Quando la Sciarra fa lezione alla lavagna è per noi tre l’apoteosi del piacere. La vediamo alzarsi dalla cattedra ed avviarsi alla lavagna e ci scambiamo un rapido cenno di esultanza. Sappiamo che spettacolo sarà vederle il culo quando starà girata per scrivere col gesso, dandoci la schiena. Io, nascosto dal banco, tengo le mani sulla patta dei pantaloni e glielo fisso goloso quel bel culo rotondo e stretto nei jeans aderenti, che si agita quando lei scrive. Sento il cazzo indurirsi provando una bella eccitazione che poi sfogo andando in bagno a masturbarmi, immaginando di sborrare tra le sue chiappe morbide e dentro il suo buco stretto.Cap IIA parte la prof Sciarra che è la novità del nuovo anno scolastico, il resto si trascina come sempre, con me che non mi impegno più di tanto e mi mantengo ”a galla” con la media del 6/6,5 che è il voto minimo per passare il primo trimestre e non farmi rompere i coglioni dai miei. In questi primi tre mesi però mi sono trovato indietro in Storia e urge un deciso recupero per alzare il voto di un punto e mezzo ed evitare che i miei passino le vacanze di Natale triturandomi le palle coi loro incessanti rimbrotti e vietandomi di giocare alla ”Play”. E così quando mia madre si trova alla riunione incontro tra genitori e insegnanti ecco che viene a sapere che la prof Sciarra nei pomeriggi dà corsi privati di recupero per arrotondare lo stipendio, si mettono d’accordo e inizio a prendere lezioni da lei per due pomeriggi a settimana.La Sciarra abita in affitto in un appartamentino in una parte tranquilla della città, in attesa di un avvicinamento graduale alla sua Puglia dove naturalmente sogna di arrivare ed insegnare fino alla pensione.LE LEZIONI DI RECUPEROE’ la seconda settimana di ”recupero”, siamo alla quarta lezione che lei tiene il giovedì, il venerdì non ha lezioni e così di mattina prende l’aereo per Bari dove l’aspettano il marito e due figli adolescenti dei quali mi parla molto in quella ora di studio. Mi ha detto che ho l’età del minore, Adriano, mentre il maggiore, Saverio, ha 17 anni, e mi parla poi del resto della parentela e dei suoi interessi e dei progetti che ha per i figli e dell’amore per la sua terra. È sempre la prof sorridente e gioviale che conosciamo a scuola ma quando si lascia andare a parlare delle cose della sua vita allora ecco che sul suo volto compare come un velo di tristezza e nostalgia che io scaccio subito riportando l’attenzione su un passo del capitolo che le dico di non avere ben capito, oppure buttando una battuta, e noto che lei gradisce questa cosa perché appena svanisce il velo malinconico ride di gusto anche se la battuta è stupidissima.L’oretta con lei a ripassare la Storia passa molto più piacevolmente che girando in motorino per la città o guerreggiando davanti allo schermo con la ”Play”, cose che adesso non mi attirano per niente. La prof invece mi tira sempre di più; mi fa sangue, e ogni volta che mi appresto ad andare da lei mi prende una smania ed una grossa eccitazione. All’immaginare quel suo bello e grosso culo stretto nei jeans elasticizzati il cazzo si eccita e si ingrossa, ma mentre le prime volte l’erezione si è sempre ritirata prima ancora di essermi presentato davanti alla sua porta, con me intimorito e vergognoso che potesse accorgersene, stavolta e la volta scorsa sono entrato in casa sua con la mazza ancora abbastanza dura dentro le mutande e adesso ho visto che lei ha notato il cazzo ingrossato premere contro la tuta mostrando l’osceno rigonfiamento.La prof Sciarra è una donna che pur sapendo scherzare e divertirsi non si è mai lasciata andare oltre un certo limite; non ha mai ecceduto in atteggiamenti che facessero a pensare che avesse voglie libertine, né che potesse gradire che ci si provasse con lei. Insomma non è una bigotta, apprezza un sano divertimento ma guai a chi si fa troppo sfacciato, e io appena entrato in casa sua col cazzo in tiro temo di beccarmi un ceffone o uno sguardo di traverso di quelli che lancia quando si arrabbia, che paralizzano e inceneriscono. Invece non fa una piega e mi invita verso il salotto. Prendo posto al tavolo rotondo, tiro fuori dallo zaino il libro di Storia ed il quadernone e li poggio aperti sul tavolo e nel mentre le dico come è andata la lezione a scuola e quale parte non ho capito, poi mi giro e vedo che lei non mi ascolta, è assorta in suoi pensieri e fuma nervosamente una sigaretta guardando fuori dalla finestra chiusa. Mi accorgo che è nervosa e quando le chiedo perché, lei mi fulmina guardandomi storto, allora io, timoroso di un suo rimprovero, abbasso la testa e giro a caso le pagine del libro. Forse capisce di aver esagerato con quella occhiataccia severa, e di avermi mortificato, e allora mi dice che ha litigato col marito e si muove passandomi accanto e proprio in quell’istante stacco gli occhi dalle pagine del libro e fisso il suo culo che ora ho vicino come non mai, e mi lascio sfuggire un sospiro, voglioso di metterci le mani sopra mentre il cazzo mi tira ancora di più. La prof Sciarra arriva alla finestra, da una bella boccata alla sigaretta e libera il fumo contro il vetro poi dice che lo sa che le guardiamo il culo a scuola, che glielo guardavano in tutte le classi in cui ha insegnato. Si appoggia coi gomiti sul davanzale, si sporge in modo da fare risaltare il culo, perfettamente rotondo. Lo agita lentamente e si vanta dicendo che i colleghi conosciuti negli anni le hanno sempre detto che ha un sedere che fa invidia anche alle belle ragazze che hanno 20/25 anni di meno.
Il suo è un parlare sciolto, a ruota libera, quasi un farneticare; come se il nervosismo per la litigata col marito lo dovesse sfogare con quei discorsi lì, o come se dovesse fargliela pagare. Io a quel punto prendo a fissarglielo in modo sfacciato, il respiro si fa sempre più pesante e il cazzo ancora più grosso e duro, il suo strano comportamento, questo suo sfogo mi hanno eccitato ancor di più, adesso è come se l’atmosfera fosse satura di una strana elettricità e tutti e due ne siamo consapevoli.Continua
(per commenti: [email protected])
FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. .



"moglie abusata""figa al vento"raccontiincesto"racconti erotci""scopami poi ti spiego""incula la moglie""storie di mariti guardoni""zie in calore""pompino in chiesa""mamma si scopa il figlio""moglie troia racconti""prima volta anale""racconti erotici nonna""racconto bisex""incesti gay""racconti porno lesbo""sesso gay""racconti scambio""incula mia moglie""racconti porno tradimento""pompino gay""sesso orgia""racconti eros 69""racconti erotici mare""scopata inaspettata""zoofila porno""racconti anal""racconti erotici in vacanza""gang bang racconti""pompini in pubblico""prima volta nel culo""sesso in spiaggia nudisti""baci erotici""lesbiche sesso""sborrata inaspettata""racconti eeotici""hard gay""racconti erotici superdotato""masturbazione di gruppo""erotici racconri""storie di sesso anale""racconti erotici nonna""vagina slabbrata""scopo mia sorella""sesso mamma""sesso tra madre e figlio""prima volta in culo""racconti incesti gay""racconti trio""raconti gay""racconti spinti""vienimi in bocca""racconti erotici animali""scopare la cugina""racconti erotici suocere""sex racconti""racconti erotici nonne""incesti gay""scopo mia cugina""sesso a tre racconti""gang bang racconti""scopata in vacanza""racconti erotici trans""racconti feticismo""racconti sesso incesto""racconti bdsm""sesso zoofilia""seghe tra amici""storie porno gratis""scopata racconto""racconti erotici tradimento""racconti erotici nonno""erorici racconti""racconti erotici di tradimenti""mariti cornuti porno""racconti hard gratis""racconti erotic""storie di corna porno""racconti erotici clistere""racconti sesso a tre""moglie scambista""incesto con mamma""racconti erotici treno""racconti mature""racconti erotici nuora""figa dilatata""racconti incesto mamma figlio""erotici rac""porno gay giovanissimi""puttana racconti""si scopa la mamma""racconti di trans""racconti ince""storie di mariti cornuti""incesti veri""racconti porno incesto""racconti scopate""legata e scopata""storie di sesso anale""nonne culone"